| Totale: 2056615 visite su 3382100 pagine |  

     
  Menu Bielorussia  |  Menu Associazione  |  Forum  |  Contattaci  |  Utenti Iscritti  |  Iscriviti  |  Home Page  | | Barometro di Minsk 

ULTIME NOTIZIE

  27.04.2016 16:50
1986 –2016: 30 ANNI DALLA CATASTROFE DI CHERNOBYL, 25 ANNI DI SOLIDARIETÀ SARDA – DI GIUSEPPE CARBONI
Fonte: AISE Agenzia Internazionale Stampa Estero





  28.02.2016 19:58
В Беларуси начались Дни культуры Сардинии
Fonte: Национальный центр художественного творчества детей и молодежи




  26.02.2016 19:04
NAS of Belarus hosted Sardinian delegation
Fonte: Sito Accademia delle Scienze

Archivio Notizie


COMMENTI E COMUNICATI










  13.05.2015 8:31
Cagliari. Grande successo serata commemorativa bielorussa
Fonte: Sardegna Reporter

Archivio
Commenti e Comunicati

Il sito sulle Adozioni del Coordinamento Famiglie

  Clicca per entrare nel sito del coordinamento
  Il protocollo adozioni 2007 lettura facilitata
  La Legge bielorussa sulle adozioni


Tutto sul Visto per l'Italia a portata di mouse

  Una utile pagina web del Ministero degli Esteri Italiano
  La Polizza Medica obbligatoria per l'ottenimento del visto per l'Italia


BELAVIA, Visto e altri servizi

  Biglietteria Belavia
  Il visto per la Belarus a domicilio
  Visto per la Belarus al Bancone Belavia di Fiumicino


Informazioni

  Scheda sintetica paese
  Storia
  Presidente della Repubblica
  I siti istituzionali
  Amministrazione Minsk
  Il portale Nazionale della Belarus in 5 lingue


Stampa, agenzie

  Agenzia Belta


LINK AMBASCIATE

  Ambasciata della Repubblica Belarus in Italia
  Ambasciata d'Italia nella Repubblica Belarus


Utilità

  Visto per l'Italia
  Documenti Matrimonio
  Metro Minsk
  Prefissi telefonici
  Cambio Rublo
  Francobolli
  Distanze fra città
  Meteo Belarus
  Regioni e provincie
  Le nuove regole di sicurezza negli aeroporti
  “Centro di Psicologia Italo-Russo” - Genova


Città

  Minsk
  Vitebsk
  Polosk
  Brest e Fortezza
  Grodno
  Mir e Neswizh


Itinerari e Natura

  Belaveshkaya Puscha
  Animali
  Natale Ortodosso e Icone


Cultura

  Incarti
  Unione dei Designer Bielorussi
  Il Costume Nazionale Bielorusso
  Museo Nazionale di Arte Moderna


Arte e Artisti

  Marc Chagall
  Valeriy Shkarubo
  Lirica: Pavlenok
  Putirskij Scienza e Poesia
  Gruppo Gramnitsy Università Cultura
  Aleksey Gaevoi - Giovane pittore


Chernobyl

  Il Progetto
  La cenere di Chernobyl


Informazione pubblicitaria

  Lo splendido mare di Costa Rey, muravera, Villaputzu, Villasimius in Sardegna. Case in affitto
  Music Factory - La Fattoria della Musica


Utenti Iscritti

ID
PW
RICONOSCIMENTO AUTOMATICO
Se non ricordi la password
Clicca Qui


STORIA

Nell'attuale territorio della Repubblica Belarus, testimonianze della presenza umana risalgono all'età della pietra.

La presenza Slava risale ai secoli VI-VIII d.C., ma con la vittoria dei Mongoli (Kiev 1240) molte città passarono sotto il dominio dei Tartari

Durante il secolo XIV la Belarus passò sotto il controllo della Lituania, conservando la propria lingua, religione e cultura. Nel 1569 con l'unificazione fra la Polonia e la Lituania, la Bielorussa entrò a far parte di questa nuova entità statale. Alla fine del XVIII secolo, la Belarus passò sotto il controllo della Russia zarista. Durante la prima guerra mondiale, nel territorio della Belarus furono combattute molte battaglie fra Russia e Germania.

Dopo la vittoria della Rivoluzione d'Ottobre del 1917 e il ritiro della Russia dalla guerra, il territorio della Belarus fu occupato dalla Germania. La sconfitta degli imperi centrali nella prima guerra mondiale permise alla Russia Rivoluzionaria di recuperare una parte dei territori bielorussi, mentre la parte occidentale del paese passò sotto il controllo della Polonia. Nel 1919 venne fondata la Repubblica Socialista Sovietica di Bielorussia con capitale Minsk che entrò a far parte dell'URSS. Nel 1939, quando la Polonia fu invasa dalla Germania, l'URSS si riprese la zona della Belarus sotto il controllo polacco, i territori occidentali del paese furono quindi riuniti al resto della Belarus.

L'aggressione nazista all'Unione Sovietica trovò in prima fila il territorio bielorusso che fu occupato dai nazifascisti, Minsk fu quasi completamente distrutta dal passaggio del fronte di guerra. La Belarus pagò un tributo umano altissimo, durante la guerra infatti perse circa 1/4 della sua popolazione. In Belarus si sviluppò una forte guerriglia partigiana contro l'occupazione nazista che portò a numerosi episodi di stoico eroismo. Nel 1944 l'Armata Rossa liberò il territorio bielorusso e da li ad un anno la guerra si concluse con la conquista di Berlino.

L'aggressione nazista e fascista fu pagata duramente dalla popolazione bielorussa e da tutto il popolo sovietico. Eroica fu la guerra partigiana che si oppose alla ferocia degli occupanti.
KHATYN a 60 chilometri da Minsk è la Marzabotto della Belarus dove i nazisti sterminarono tutta la popolazione donne e bambini compresi.


Con la fine della seconda guerra mondiale e la nascita dell'ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) la Repubblica Socialista Sovietica di Bielorussia, pur facendo parte integrante dell'URSS ebbe un proprio seggio autonomo nell'ambito dell'Assemblea delle Nazioni Unite.

Il primo piano quinquennale del dopoguerra riuscì a sistemare gran parte dei danni causati dalla guerra e Minsk divenne un importante centro industriale per l'URSS.

Con lo scioglimento dell'URSS, le 15 repubbliche che la formavano divennero indipendenti. La Repubblica Socialista Sovietica di Bielorussia divenne la Repubblica di Belarus, conservando esattamente il territorio e i confini che aveva all'interno dell'Unione Sovietica. In un primo momento la lingua ufficiale della nuova repubblica indipendente fu il bielorusso, ma con un referendum popolare approvato a grandissima maggioranza, qualche anno dopo fu introdotto il bilinguismo, è oggi le lingue statali in Belarus sono due con pari dignità: bielorusso e russo. (Ma la stragrande maggioranza della popolazione parla e scrive quasi esclusivamente in russo). La repubblica di Belarus fa parte della CSI (Comunità degli Stati Indipendenti) ed ha formato con la Repubblica Federativa Russa, l'Unione Russia-Belarus che dovrebbe portare ad una moneta unica, ad una forte concertazione della politica economica.
br> La giovane repubblica di Belarus, vive sulla propria pelle le conseguenze del Disastro del Chernobyl, avvenuto il 26 aprile 1986 quando ancora esisteva l'URSS. La Belarus fu colpita più duramente rispetto all'Ucraina stessa. Circa un quinto del paese fu seriamente contaminato e ancora oggi pesanti sono le conseguenze economiche, sanitarie, sociali e umane che derivano direttamente dalla tragedia di Chernobyl.

AMBIENTE E CLIMA

La Belarus è leggermente più piccola del Regno Unito; confina a nord e a est con la Russia, a nord-ovest con la Lettonia e la Lituania, a ovest con la Polonia e a sud con l'Ucraina. È un paese prettamente pianeggiante: la collina più alta, la Djarzhinskaja, raggiunge soltanto i 345 m. Il terreno è costituito da bassi spartiacque che dividono grandi zone paludose intervallate da piccoli laghi. Il fiume principale è il Dnjapro, che scorre verso la Belarus orientale partendo da Smolensk in Russia. Un tempo la Belarus era completamente ricoperta di foreste. Nel XVI secolo, la maggior parte di esse era già stata abbattuta per fare spazio ai campi, ma molte zone sono ricresciute, specialmente a sud. Gli alberi più diffusi sono le conifere, le querce, i faggi e le betulle argentate. La Riserva Naturale di Belavezhskaja Pushcha, al confine con la Polonia, è la più grande foresta primordiale d'Europa e ospita un numero consistente di bisonti europei. Nelle altre riserve naturali della Belarus si possono trovare alci, daini, cinghiali, lupi, volpi, scoiattoli, martore, lepri, castori, lontre, visoni e tassi. Il terreno coltivato è dedicato in particolare a cereali e lino: le distese di campi di lino sono bellissime da vedere.

La Belarus gode di un clima continentale che diventa un po' più rigido spostandosi da sud-ovest a nord-est. Le temperature medie di gennaio sono comprese tra -4°C e -8°C e per circa sette o otto mesi all'anno il terreno è coperto di ghiaccio. Il mese più caldo è luglio, quando la temperatura raggiunge normalmente i 19°C. A giugno e ad agosto c'è maggiore umidità, mentre nevica da dicembre ad aprile.

ð ð
Stemma della Repubblica Socialista Sovietica di Bielorussia Stemma Repubblica Belarus dopo l'indipendenza e sino ai referendum del 1996 Stemma della Repubblica Belarus dopo l'approvazione dei referendum del 1996


ð ð
Bandiera della Repubblica Socialista Sovietica di Bielorussia Bandiera Repubblica Belarus dopo l'indipendenza e sino ai referendum del 1996 Bandiera della Repubblica Belarus dopo l'approvazione dei referendum del 1996

Copyright © 2004 - Cyberchianti S.n.c.